Personal Trainer? C’è ancora bisogno?

Pubblicato il Pubblicato in Articoli

Un giorno come tanti, un ragazzo imberbe tra una chiacchiera e l’altra circa l’uso della tecnica dei “rest pause” mi disse testualmente così: “anche a me piacerebbe fare il personal trainer”….la mia risposta fu spontanea.. perché?….lui mi guardo un attimino con sguardo quasi beffardo e mi disse:..”si guadagna bene e si sta’ con le belle donne”.

fig.1 – Il vero personal trainer non è una figura cialtronesca sottopagata o da secondo lavoro..

Questa frase mi fece sorridere all’inizio poi pero’ mi fece capire quanto superficiale fosse stata quella affermazione cosi minimizzante di una professione che tende a svilire una professione che quando e’ interpretata correttamente è davvero tutt’altro ed è fondata su studio permanente, pratica costante ed amplia, passione sempre viva, aggiornamenti continui, eccetera. Ad ogni modo, questa visione semplicistica e “facile”, ritengo sia dovuta sia alla non volontà ormai cronica della maggior parte delle palestre italiane nel non investire “nei piu’ preparati” ed in parte all’esplosione di molte pseudo-figure nell’online odierno dove l’apice si ha nei social piu’ in voga.

“Di tutto e di piu’”..mi disse un giorno un tizio dopo aver fatto delle ricerche in merito circa il reclutamento di un professionista che potesse seguirlo in rete. Poi si affido a me.
Effettivamente dai primi anni del 2000, quando cioè lanciai questo sito, di cose ne sono cambiate moltissime, a partire dalla concorrenza.

Questo sito ed il servizio di consulenza online che offrivo e che offro, è stato uno dei primissimi in Italia, ricordo quando negli studi di La3 allora canale 147 della piattaforma SKY, mi chiesero di partecipare in diretta alla trasmissione “Senza fili” per parlare proprio del mio servizio online e di come funzionasse (video della diretta visionabile su questo sito)..bè rimasero entusiasti di questo modus-operandi, dove si riusciva a creare una sorta di “via di mezzo” tra il qualunquismo e l’abbandono della classica palestra ed un costoso personal trainer. Cosa importantissima però, che sottolineai piu’ di una volta, fù che nessun servizio online professionale potrebbe mai sostituirsi ad una figura ben preparata in carne ed ossa, meno che meno in caso di patologie o problematiche speciali, casi quest’ultimi che assolutamente non dovrebbero in nessun caso essere seguiti a distanza.

Ma anche nella circostanza in cui, un soggetto avrebbe dovuto o voluto avvicinarsi a pratiche di alto valore agonistico o prestazionale, nessun servizio online, ne tanto meno il mio, si sarebbe potuto sostituire ad una persona in carne ed ossa ovviamente adeguatamente preparata, questo è il consiglio che la dovrebbe fare da padrone.

Ad oggi mi pare proprio che questa regola, che per me rimane sacrosanta, non sia poi molto rispettata, ossia è chiaro ed ovvio che è proprio qui che si pone quella sottile linea rossa tra un servizio di consulenze di allenamento online e quello che invece non lo è.

Ritengo che la tecnologia che oggi abbiamo tutti a disposizione abbia veramente ridotto in modo eccezionale le distanze e le barriere che c’erano fino a venti anni fa o poco piu’, ma non dobbiamo fare l’errore di credere che sia sufficiente vedere un video per avere la globalità di un’azione o di un gesto atletico-motorio, ne tanto meno per ricevere giudizi soprattutto se il gesto è di alto valore atletico come uno strappo o altro. La cosa è ben diversa se l’atleta è già estremamente avanzato in quel frangente e richiede un giudizio tecnico.

E’ anche chiaro che se andiamo a valutare un curl in concentrazione con gomito appoggiato sul vasto mediale, bè effettivamente c’è poco da analizzare, ma tutt’altro è appunto l’approccio ad uno stacco o uno squat o peggio ancora uno jerk della pesistica.

Quindi, nulla è bianco e nulla è nero in questi ambiti….esistono davvero tante, tantissime tonalità di grigio, talmente tante che occorre essere il piu’ onesti e professionali possibili, senza vendere fumo…poi tutto puo’ essere più o meno valutabile certo ma questa dovrebbe essere la rotta da seguire.

Quindi rispondendo alla domanda del titolo di questo articolo, la risposta è..SI!…c’è n’è bisogno e sempre ce ne sarà, nessun servizio online anche di tendenza o “agressive” che sia, oggi dicono cosi, potrà sostituire un maestro, un coach, un trainer o come volete chiamarlo, che sia adeguatamente competente, ma è assolutamente vero che un buon servizio di personaltrainer-online collaudato negli anni, puo’ sicuramente aiutare tutti quelli che per vari motivi non vogliono o non possono frequentare una palestra o non possono permettersi un bravo professionista in carne ed ossa (attenzione: oggi di figure improvvisate che lavorano a 4 o 5 euro all’ora nelle più disparate palestre o box d’Italia ne troviamo quanti ne vogliamo, mentre di professionisti seri, laureati ed esperti sul serio con anni di lavoro alle spalle ce ne sono pochi in rapporto) e tutto questo senza spendere un patrimonio.

Riassumendo cosa dovete aspettarvi da un buon servizio online?..Fondamentalmente e con tutte le variabili del caso, sono quattro sono i punti che dovreste pretendere:

  • Semplicità del servizio e sobrietà del professionista (non c’è bisogno di esibire bicipiti scolpiti o addome da “uomini e donne”)
  • Professionalità certificabile (curriculum, lauree, certificazioni, possibilmente visibili online, ricordate ci vogliono anni di studio e pratica per cementificare le esperienze e la professionalità di un vero professionista, i corsi da 2-3 week-end non bastano!!)
  • Prezzi onesti (per fare una scheda, complessa che sia, non si possono spendere centinaia di euro!)
  • Richiedete una fattura fiscale (chi è un vero professionista è molto spesso un libero professionista in regola, e quindi in grado di fornirvi una fattura per il servizio di consulenza, questo aspetto pochissimo preso in considerazione, è invece una fortissima possibilità che il cliente ha per fare una scrematura professionale).
fig.2 – un vero professionista è molto spesso un libero professionista in regola

Altro da aggiungere, in realtà ci sarebbe, ma non vorrei caricare esageratamente questo articolo, che per scelta vorrei mantenere snello e facilmente consultabile, ma posso però mettere in guardia da alcune cose che reputo importanti, ossia fate attenzione a:

  • Non fidatevi troppo della massa (si sa che l’uomo per sua natura tende sempre all’aggregazione, ma nella mia vita e nella mia professione ho appreso che il numeroso non è necessariamente il meglio, anzi tutt’altro..)
  • Non esistono gli angeli (diffidate dal gratis..nessun servizio è poi alla fine gratis, qualcosa da vendere ci sarà sempre, all’entrata o all’uscita..qualche torna conto ci sarà sicuramente, il gratis serve solo a manipolare…secondo me è piu’ professionale e sobrio affermare che il servizio è soggetto a giusto ed ovvio compenso)
  • Se avete già fatto le Vostre scelte, provate ogni tanto ad incontrare in palestra il Vostro o i Vostri trainer online (Questo rafforzerà o meno il legame o l’impressione che vi siete fatti, dal vivo inoltre si vedono e si capiscono molte cose)
fig.3 – numeroso non è necessariamente il meglio, anzi tutt’altro..

Siamo alla fine amici, spero di aver presentato una breve ed efficace relazione su questo argomento che da risorsa diviene spesso un problema.
Buon training a tutti!!

Dr.Stefano Morini
info@personaltrainer-online.it
www.personaltrainer-online.it

2 pensieri su “Personal Trainer? C’è ancora bisogno?

  1. Gοod day! Ι could have ѕworn I’ve been to this blog Ƅefore
    but after bгowsing tһrough some of the post I realized it’s
    new to me. Anyways, I’m definitely hɑppʏ I found it and I’ll be ƅookmarҝing ɑnd checking
    back frequently!

  2. Ꭲhese are truly great ideas in about blogging. You have touched some good fаctorѕ here.
    Any way keep up wrinting.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *